Il verde, lo Yoga e il Modern Nordic Walking “Una Cromo terapia dinamica”




  • Il verde nelle sue numerose declinazioni, è evocativo per tutte le culture umane. Dallo smeraldo delle acque, alla profondità del bosco, da quello brillante e tenero tipico dei muschi a quello vibrante o fresco delle foglie: questo colore ci circonda con moltissime sfumature. Veicolo di armonia, di equilibrio e speranza è il colore della natura. Simbolo per eccellenza della fertilità e dell’abbondanza, per gli Egizi è stato il pigmento della fortuna e secondo l’antica filosofia buddista, è quello che, ancor oggi, più di tutti, rappresenta la vita.

  • Nell’Induismo, il verde è legato al Chakra del Cuore, emblema dell’amore puro, privo di qualsiasi preconcetto. Secondo questa religione, il buon funzionamento dei poli energetici dell’organismo e il fluire dell’energia stessa, passa da questo punto, aiutando anche gli altri centri a ripulirsi. Rappresentato dal Fiore di Loto dai dodici petali, e dal doppio triangolo incrociato, il Quarto o Anahata Chakra è posizionato nella regione cardiaca, lungo l’asse del midollo spinale. Il colore verde che vi viene associato è intermedio, come lo è, appunto il corrispondente Chakra tra i Sette della pratica Yoga. Sede dello spirito e del rinnovamento, anche nelle culture occidentali corrisponde ad un animo forte e dinamico, colmo di salute e amore. Fino all’età di 12 anni è sede della produzione di anticorpi che proteggono dagli attacchi esterni su corpo e psiche, dalle malattie ed in generale da agenti nocivi.

  • Nella tavolozza dei colori è secondario, a metà tra l’energia del Giallo e la quiete dell’Azzurro. Emotivamente è emanazione della compassione, amplificatore di amore per gli esseri viventi, favorisce il giusto contatto con le leggi cosmiche e il rispetto di esse. Oltre a questi effetti, conferirebbe all’individuo un senso di giustizia e grandezza d’animo. Secondo la cromoterapia le sue lunghezze d’onda agiscono a livello del sistema nervoso come calmante per emicranie e patologie a carico dei nervi. Gli è riconosciuto un ruolo fondamentale come modulatore delle forze in campo, promotore di serenità e calma. All’interno dello spettro solare risulta neutro, e per questo motivo nella cultura indiana è interpretato come il colore della terra cui associare le vibrazioni dei pensieri e dei sensi. Il verde non riscalda né raffredda, non è acido ne’ alcalino: insomma è il colore perfetto per il ristoro e l’omeostasi. A livello fisico infatti risulta ottimo per decongestionare e disintossicare l’organismo, combatte nevralgie stati febbrili, stanchezza visiva. E’ efficacie in caso di ipertensione, insonnia, ipertiroidismo e, a livello epidermico, è impiegato per l’eliminazione di alcune anomalie della pelle. Spesso si consiglia l’esposizione alla gamma dei verdi per chi debba fare chiarezza interiore o abbia necessità di alleggerire le pressioni; giova a coloro i quali debbano adottare uno stile di vita ed un ritmo più leggero; aiuta le persone iperattive e ansiose a trovare pacatezza e stabilità. In psicologia la predilezione per questo colore indica una personalità ambiziosa, ma allo stesso tempo, paziente e tranquilla, che persegue i suoi obiettivi con costanza e tenacia, che non si lascia scoraggiare da ostacoli e temporanei fallimenti.

  • Per un effetto benefico quotidiano si ritiene utile creare nell’ambiente domestico un angolino verde optando, ad esempio, per piante, tinteggiatura delle pareti, tappezzeria e complementi di arredo. Può essere inoltre preventivo per il benessere mangiare cibi verdi evitando, però, le sostanze eccitanti e, per lasciarsi avvolgere completamente dalle sue proprietà, si suggerisce inoltre di indossare indumenti nelle sue diverse gradazioni. Riequilibrante su tutti i distretti corporei, il verde aumenta così la nostra vitalità tonificando i tessuti con una formidabile azione antibatterica.

  • La conseguenza più importante e potente dell’esposizione al colore verde resta comunque l’immersione nell’ambiente naturale. Possiamo godere di questa possibilità in ogni stagione, in tutti i week end in cui volessimo dedicare tempo a noi stessi regalandoci escursioni nella natura e, come disse il compositore Fryderiyk Chopin, “anche d’inverno ci sarà verde nel mio cuore”. Una passeggiata nel bosco, un’agevole percorso di Nordic Walking sapranno emozionarci e donarci, attraverso i sensi, un ulteriore, straordinario e salutare Effetto Tree.




8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti